Esplorando Kos

Trekking ed escursioni nella perla del Dodecaneso.

Quando si parla di Kos generalmente lo si fa per elogiare il mare e le spiagge, davvero straordinarie, ma spesso si dimentica di ricordare che è un luogo ideale anche per trekking ed escursioni.

Spingendosi nel suo entroterra, infatti, è possibile scoprire inediti scenari montani, godere di una vista mozzafiato sulle altre isole del Dodecaneso e fare lunghe ed affascinanti camminate fra siti storici e meraviglie naturali

Kos città e dintorni


L’isola è poco più di 50 chilometri quadrati, in pochi minuti di auto si possono raggiungere Kefalos, Palio Pylio o Asfendiou, così come esplorare il vasto entroterra che offre una natura davvero incontaminata.

Le tracce dell’uomo sono poche e l’isola conserva ancora importanti vestigia del proprio ricco passato. Un paesaggio eterogeneo che vede alternarsi aspre rocce bianche e calette isolate, acqua turchese e sabbia dorata, verdi vallate e foreste di pini di Aleppo.

Il Turisanda Gaia Palace si trova proprio a Kos, circondato dalla fitta vegetazione della macchia mediterranea, tra agrumi, melograni e cespugli di rose, ad appena 350 metri da una bellissima spiaggia attrezzata e riservata. Chi è interessato alla storia della Grecia antica e ai siti archeologici deve sapere che quest’isola non teme rivali.

Grecia - Esplorando Kos 1

Grecia - Esplorando Kos 2


Qui infatti nacquero lo storiografo Erodoto, il pittore Apelle, re Tolomeo II d’Egitto e l'illuminato medico Ippocrate, padre putativo della medicina moderna.

A Kos città, per esempio, si possono visitare il museo archeologico cittadino e le fondamenta di antiche case patrizie che nascondono sontuosi mosaici.

Il principale sito archeologico di Kos è però quello di Asclepion che anticamente era un santuario dedicato al dio greco della medicina. Si trova a 3 km dal capoluogo ed è completamente immerso nel verde.

Qui si ergeva anche il celebre ospedale dove Ippocrate prestava la sua opera. Le rovine sono imponenti e il percorso che si compie per arrivarci, dal centro cittadino, è davvero suggestivo, tutto attraverso le campagne.

Fra natura e storia, da Paléo Pilí ad Asfendiou

Un bel percorso di trekking da provare è quello che dalla località di Pilí passa per Paléo Pilí, arriva fino ad Asfendiou e torna indietro. Ci vogliono circa tre ore, procedendo lentamente, ma ne vale davvero la pena perché si ha la rara possibilità di toccare con mano l'autentica cultura tradizionale greca ed esplorare piccoli paesi poco frequentati e ricchi di fascino.

La partenza è dal villaggio di Pilí, al centro dell'isola, inserito in una pianura dal verde rigoglioso, punteggiata da ulivi. Il paese è tutto raccolto attorno ad una piazza centrale dove si affacciano caffè e taverne, al piano terreno di antiche abitazioni in pietra. Strada facendo si incontrano piccole gemme del passato come la tomba di Harmylos (una sepoltura di epoca ellenistica) e la deliziosa cappella medioevale di Stavros. L’antica capitale di Kos era proprio Paléo Pilí dove si trova l'architettura bizantina, ormai in rovina, del Castello dei Cavalieri di San Giovanni che offre un particolare punto di osservazione sul mare: si possono infatti vedere le coste della penisola di Bodrum, in Turchia.

Grecia - Esplorando Kos 3

Grecia - Esplorando Kos 4




Infine si arriva in una riserva protetta che costituisce l'unica foresta naturale dell'isola e si estende alle pendici del monte Dikeo, nei pressi di Asfendiou: un gruppo di piccoli borghi (Agios Dimitros, Asomati, Zia e Lagoudi) sperduti nei boschi dove fermarsi a riposare e vivere l'atmosfera più genuina di Kos.

Il borgo più bello della zona è quello di Zia, un tipico paesino di montagna caratterizzato da casette bianche dalle finestre colorate, dal quale si gode di una vista sorprendente, soprattutto nelle giornate dal cielo terso. È inoltre un ottimo punto di partenza per partire alla scoperta del monte Dikeo.

In barca e a piedi

Un’escursione più lunga, della durata di 5 ore, non particolarmente impegnativa e ideale per passare in rassegna tutte le caratteristiche della natura locale e per percorrere itinerari silenziosi e poco battuti, è il percorso che inizia da Kéfalos e arriva sino al Monte Zini. Fra le escursioni in barca consigliamo quella nella vicina isola di Kalynnos, un tempo nota in tutto il mondo per la pesca e la vendita di spugne naturali.

Sebbene oggi questo genere di attività non sia più fiorente e il turismo sia la prima voce nel bilancio locale, qui è ancora possibile acquistare eccellenti spugne naturali di ottima qualità. Il capoluogo, il piccolo paese di Pothia, offre molte possibilità come quella di godersi il suo splendido mare oppure di inerpicarsi sulle falesie, ma solo se si è davvero esperti. L’entroterra dell’isola, seppure di modeste dimensioni, è arido e brullo ma decisamente affascinante e merita di essere esplorato a piedi seguendo i vari percorsi di trekking che conducono di fronte a panorami straordinari sull’Egeo.

Grecia - Esplorando Kos 5

Altri consigli

EDEN S.r.l. Società Unipersonale soggetta a direzione e coordinamento della Società Markus s.r.l. | Pesaro Via degli Abeti n 24 Capitale Sociale euro 9.000.000 interamente versato | Numero R.E.A. presso la C.C.I.A.A. di Pesaro ed Urbino: 174347 | Associato ad ASTOI

Iscriviti alla nostra newsletter

EDEN S.r.l.