Turisanda
In vacanza negli Stati Uniti dello Yosemite
17.09.2021

Per la nostra vacanza negli Stati Uniti abbiamo scelto una delle mete naturalistiche più apprezzate di sempre, per varietà di paesaggi e specie animali che è possibile fotografare. Si tratta dell'immenso Yosemite National Park.

Direzione: Yosemite Valley

Per raggiungerlo, da Oakland, ci spostiamo in auto verso est imboccando l'interstate 580 in direzione Manteca, poi giù per la Highway 99 fino a Merced e di nuovo in direzione est sulla Highway 140. Quattro ore di viaggio che ci condurranno all'Arch Rock Entrance, la via d'accesso più vicina al cuore della Yosemite Valley. Il primo Parco Nazionale d'America si sviluppa su un'area sconfinata di oltre 3000 km quadrati. È attraversato da circa 400 km di percorso stradale e da oltre 1300 km di sentieri segnati: un vero paradiso per gli escursionisti. L'altitudine delle aree montuose varia dai 500 agli oltre 4000 metri della Sierra Nevada.

Oltre alla Yosemite Valley, da cui è partita la nostra esplorazione, il parco è suddiviso in 4 ulteriori macro aree: Wavona e Mariposa Grove of Giant Sequoias, Glacier Point, la Hetch Hetchy Valley, Toulumne Meadows e Tioga Road.

Auto, mountain bike o navetta?

La gestione dell'immensa area naturale è affidata, come in tutti gli Stati Uniti, al National Park Service che regola gli accessi e i pedaggi, predispone le aree di alloggio e ristoro all'interno della riserva, ma soprattutto organizza le escursioni guidate dai Ranger nelle zone più belle e meno battute. All'ingresso si può scegliere il veichle pass, che dura un'intera settimana e comprende sia l'ingresso dell'auto che dei passeggeri. Per chi ama spostarsi a piedi o in mountain bike è invece possibile richiedere l'individual pass. L'area della Yosemite Valley dispone anche di una navetta gratuita che, con le sue 20 fermate, tocca i punti panoramici più belli, oltre a quelli di ristoro. Considerando che per attraversare il parco esiste una sola strada, che le aree destinate a parcheggio all'interno del parco sono pochissime, che non ci sono stazioni di rifornimento e che esiste una sola officina meccanica vicino allo Yosemite Village, il nostro consiglio è di scegliere la forma più intelligente ed ecologica di accesso e transito (la navetta) e di rinunciare alla macchina.

Un parco, tanti sentieri

Vista la grandezza della riserva, durante la nostra vacanza negli Stati Uniti, abbiamo deciso di concentrarci su un'area dello Yosemite in particolare, tra le meno frequentate dai turisti perché transitabile solo d'estate. È la Toulumne Meadows e Tioga Road una zona splendida e incontaminata in cui osservando i paesaggi si rimane davvero a bocca aperta. Dalla foresta di sequoie, al Toulumne Grove, proseguendo fino al punto panoramico Olmstead Point, perfetto per scattare fotografie. Da qui, a piedi, siamo arrivati al Tenaya Lake attraverso uno dei sentieri tracciati dal visitor center di Tuolumne Meadows. A proposito degli oltre 1300 km di sentieri sparsi in ogni angolo del parco, vi segnaliamo quelli principali in ordine di livello di difficoltà. I più facili, adatti anche ai più piccoli, sono quelli che conducono alla Lower Yosemite Fall e alla Bridaveil Fall. Lunghi circa 1 km e prevalentemente pianeggianti sono ideali per chi cerca il primo contatto significativo con la natura del parco. Segue il sentiero del Mirror Lake, lungo circa 3 km: un anello che parte e finisce vicino alla fermata numero 17 della navetta. Il paesaggio del Mirror Lake è molto suggestivo: nelle sue acque si specchia l'Half Dome, l'immensa roccia granitica che è anche uno dei simboli del parco. Infine il sentiero che conduce alle cascate di Vernall e Nevada Falls, per escursionisti esperti e allenati. Dall'Happy Isles Visitor Center si sviluppa per circa 11 km, con punti di sosta alla cascata Vernall, Mist Trail, Emerald Pool, Nevada Falls e John Muir Trail.

Yoghi Bear

Durante la nostra vacanza negli Stati Uniti dei parchi, abbiamo scoperto che all'interno dello Yosemite è presente una nutrita comunità di orsi bruni, costantemente monitorata dai Ranger. All'interno di una riserva naturale così grande e selvaggia non è raro imbattersi in animali allo stato brado, e tra questi possono esserci anche gli orsi, attratti dal profumo del cibo e, in particolare, dai rifiuti che i turisti irrispettosi lasciano in giro. È importante, quindi, osservare le indicazioni presenti all'interno dello Yosemite e non dare da mangiare a nessun tipo di animale. Rispetto agli orsi è consigliabile non lasciare in macchina cibo, rifiuti e tutto quanto può costituire un'attrazione olfattiva. I cestini della spazzatura di cui sono disseminate le zone turistiche più battute vi inviteranno costantemente a farne uso, e se non volete rischiare di attirare lo Yoghi di turno utilizzate le apposite Bear Box, dove mettere tutti gli oggetti che potrebbero far gola ai simpatici ghiottoni.

Esplora
Stati Uniti
Stati Uniti d'America. Il nome al plurale. Il motto, “E pluribus unum”, al singolare. Non è un caso.
Stati Uniti
Ognuno sogna l'America per qualche motivo: per un film che è rimasto nel cuore, per le usanze di questa nazione, per la sua tecnologia o per i suoi personaggi che restano scolpiti nella storia.