Destinazione
Chi
Quando
Cerca
Destinazione

Viaggio in Islanda

Terra di leggende e vichinghi, miti antichissimi e città moderne.

Cosa vedere in Islanda

Reykjavik

La capitale più settentrionale del mondo, è anche la città più antica dell’Islanda. Venne fondata, secondo il Landnámabók, nell'874 d.C. da Ingólfur Arnarson, il capo di una tribù vichinga norvegese, che chiamò questa zona Reykjavik per via dei vapori geo-termici che vide provenire dal suolo. Oggi questi stessi vapori riscaldano abitazioni e piscine all'aperto in tutta la città e sono una fonte di energia che lascia l'aria fresca, pulita e non inquinata. Secondo la leggenda Ingólfur Arnarson stabilì qui la sua residenza secondo un rituale vichingo, che consisteva nel gettare i pali portanti della sua precedente residenza nel mare e vedere dove si arenavano. Scavi archeologici confermano che vichinghi norvegesi e immigranti celtici si sono stabiliti in quest'area nel IX secolo (tracce indicano l'anno 870).

Vík í Mýrdal

All’estremo sud dell’isola, Vík í Mýrdal sorge ai piedi del ghiacciaio Mýrdalsjökull, sulle pendici del vulcano Katla, ed è un ottimo punto di partenza per numerose attrazioni turistiche ed escursioni da fare in un viaggio in Islanda. Imperdibile è quella alla volta di Dyrhólaey, una penisola di origine vulcanica che offre al viaggiatore un panorama tutto da esplorare. A far da cornice il ghiacciaio Mýrdalsjökull e le colonne di lava nera del Reynisdrangar sul mare. 

Parco Nazionale di Skaftafell

Tra i più conosciuti dell’Islanda, si trova nella regione di sud-est e si estende tra la parte meridionale del ghiacciaio Vatnajökull (il più grande d’Europa) e l’Oceano Atlantico. In tutto il parco colate laviche si alternano a ghiacciai, distese di muschi e licheni contendono il posto a foreste di betulle nane, tipicamente islandesi.   

Jokulsarlon

È il più grande lago ghiacciato di Islanda. 18 chilometri quadrati di laguna glaciale, ai piedi del ghiacciaio Vatnajökull, per un paesaggio surreale dove ammirare immensi iceberg tuffarsi nelle acque di un blu intenso per poi prendere il largo.  

Húsavik

Nella regione di Norðurland eystra, all'estremo nord dell'Islanda, questa piccola città è considerata la capitale del whale watching. La baia in cui si trova la città, infatti, è abitata da diverse specie di balena: da quelle più comuni, come le balenottere rostrate, ei capodogli, alle acrobatiche megattere fino alle rare balenottere azzurre, gli animali più grandi del mondo. 

Akureyri

Attraversata dal fiume Glerá, sorge a meno di 100 km a sud del Circolo polare artico, in  fondo all'Eyjafjörður, il fiordo più lungo dell'Islanda centro-settentrionale. Chiamata "Città del sole di mezzanotte" o anche "Capitale dell'Islanda del Nord", Akureyri è un importante porto e centro di pesca. Nonostante l'area fosse già edificata dal IX secolo, ricevette lo status di città solo nel 1786, per poi perderlo nel 1836 e riguadagnarlo definitivamente nel 1862.  

I luoghi da non perdere
Tour e viaggi organizzati in Islanda | Turisanda