Destinazione
Chi
Quando
Cerca
Destinazione

Perù

Un racconto millenario nella vita di tutti i giorni

Cosa vedere in Perù

Machu Picchu

La città perduta, gioiello dell'architettura inca e una delle sette Meraviglie del Mondo, al primo posto nella lista di ‘cosa vedere in Perùì’. Scoperta nel 1911 dall'antropologo americano Hiram Bingham, sorge a 2.350 mt di altitudine sulla cresta della "montagna vecchia" (questo significa Machu Picchu in lingua quechua), ai piedi del Huayna Picchu (montagna giovane), circondate dai fiumi Urubamba e Vilcanota. Con i suoi terrazzamenti verdi e le Andre sullo sfondo, è di una bellezza fuori da ogni immaginazione: nonostante sia stata fotografata troppe volte, non ha mai deluso nessun visitatore. Per salire quassù ci sono due alternative ma il modo più suggestivo è senza dubbio a piedi, seguendo l'antico sentiero che dal fiume scala la montagna, impiegando in poco più di un'ora.  

Lago Titicaca

A 3820 metri dal livello del mare, è il lago navigabile più alto del mondo, situato al confine con la Bolivia. Le sue acque, di un blu intenso, riflettono i raggi del sole illuminando l'altopiano di una luce quasi incantata. Qui, su isole galleggianti, vivono gli Uros, comunità antichissima discendente dagli Inca. 

Cuzco

Capitale dell’Impero Inca e Patrimonio Unesco dal 1983, un mix di architettura Inca e coloniale. Si racconta che quando il conquistadores Pizarro entrò in città, nel 1533, la trovò in fiamme. Le uniche cose che si salvarono furono i formidabili basamenti di pietrae delle case, su cui poi gli spagnoli innalzarono chiese e palazzi. Ancora oggi, camminando per le vie della città, le strade sono fiancheggiate da queste mura davvero particolari. Mistica e caotica, ci si incontra tutto e tutti, anche lama al guinzaglio., Ccome se volesse tornare ad essere l’ombelico del mondo.  

La Valle Sacra

Tra Cuzco e Machu Picchu, la Valle Sagrada è una delle fermate più consigliate di un tour di in Perù, e non solo per la sua posizione strategica. Ospita, infatti, le costruzioni più importanti dell'Impero Inca, numerosi siti archeologici e affascinanti villaggi animati da mercati locali tipici. Imperdibile quello a Chinchero, pittoresco paesino con un'antica chiesa che la domenica ospita ancora oggi un mercato artigianale autentico e da cui si gode una vista spettacolare sulle montagne dell'intera Valle. Il viaggiatore amante della natura e delle attività potrà divertirsi facendo equitazione e rafting lungo il Rio Urubamba, mentre quello in cerca di viaggi archeologici non potrà fare a meno di visitare le tante rovine inca della zona. In primis quelle di Kenko, Puca Pucara e Sacsayhuamán, l'imponente fortezza che proteggeva l'entrata dell’intera valle.  

Le Ande e il Canyon del Conca

Custodi di tesori e tradizioni di popoli antichi, le Ande sono la spina dorsale del paese fin dai tempi che furono. Impossibile non inserirle tra le cose da vedere in un viaggio in Perù, soprattutto lo spettacolare Canyon del Colca, una gola profonda fino a 3400 metri il cui fascino va ben oltre misura, soprattutto per gli appassionati di trekking. Dominato da vulcani innevati e regno dal maestoso Condor, che si alza in un volo leggiadro tra le pareti a strapiombo, il canyon è caratterizzato da terrazzamenti agricoli, villaggi di pastori e rovine preincaiche.  

La Foresta Amazzonica

Ricopre più della metà del territorio peruviano e nella sua profondità vivono tribù ancestrali e in completa armonia con la natura che le ospita. Questa terra selvaggia è da sempre sinonimo di avventura; la parte peruviana è stata fortunatamente preservata e protetta, ed è per questo motivo che si presenta ancora autentica ed incontaminata, un vero gioiello per coloro che vogliono un viaggio nella natura più intensa dove poter avvistare tapiri, anaconda, giaguari e migliaia di pappagalli. 

Linee di Nazca

Il perché ed il come venissero realizzate dalla civiltà precolombiana dei Nazca è ancora avvolto nel mistero e, proprio per questo motivo, questi geoglifi sono ancora più affascinanti. Oltre 13.000 linee tracciate sul terreno del deserto, che vanno a formare più di 800 disegni, tra cui i profili stilizzati di animali comuni nell'area (la balena, il pappagallo, la lucertola lunga più di 180 metri, il colibrì, il condor e l'enorme ragno lungo circa 45 metri), con cui questo popolo ringraziava gli dei.  

Arequipa

Conosciuta come "La Ciudad blanca" dal colore degli edifici del centro storico realizzati in silar, una pietra di origine vulcanica, è la città coloniale più bella e raffinata di tutto il Perù, porta d’accesso alle Ande e Patrimonio Unesco. Fondata nel 1540 a 2400 mt sopra il livello del mare, sorge ai piedi del vulcano El Misti, la cui ultima eruzione risale al 1784. 

I luoghi da non perdere

Lasciati ispirare

Diario di un viaggio in Perù

Crea con i nostri travel designer
il tuo viaggio su misura.

Puoi contare su chi conosce l’anima più vera di ogni luogo.