Cosa vedere a Città del Messico in 3 giorni

09.06.2022
Indice

La capitale del Messico sorge nella Valle dell'Anáhuac, a un’altitudine di oltre 2.200 metri, ed è circondata da imponenti catene montuose. I due maestosi vulcani di Popocatépetl e Iztaccihuatl la dominano in lontananza. Ci sono tante cose da vedere in Città del Messico: dalla maestosa Piazza della Costituzione (nota anche con il nome di “Zócalo”), vero e proprio fulcro della vita quotidiana della città, allo splendido Palazzo Nazionale e al Templo Mayor, passando per la Basilica di Nostra Signora di Guadalupe e l’incantevole parco archeologico di Teotihuacán.

 

Di seguito qualche suggerimento su cosa vedere a Città del Messico e dintorni per immergerti completamente nell’atmosfera eclettica e variopinta della città. 

Zòcalo

Lo Zócalo – altrimenti noto come la “Plaza de la Constitución”, Piazza della Costituzione – è il cuore pulsante di Città del Messico. Fu costruita dopo la conquista di Tenochtitlan, la storica metropoli azteca su cui poggia, ed è ancora oggi una delle piazze più grandi del mondo. Lo Zócalo è perfetto per scoprire tre dei luoghi da non perdere assolutamente in città: il Palazzo Nazionale, la Cattedrale Metropolitana e il Tempio Mayor. L’immenso Palazzo Nazionale è la residenza ufficiale del Presidente del paese, e la sua lunghissima facciata si contraddistingue per la pietra rossa con cui è stata costruita. Il palazzo vanta molte belle sale disposte intorno ai suoi cortili, alcuni dei quali accessibili ai visitatori: da non perdere il Cortile Grande, con i suoi affreschi che narrano la storia del paese. All’interno del palazzo, sulle mura dello scalone principale, si trova il gigantesco murale “Storia del Messico” di Diego Rivera. La Cattedrale Metropolitana di Città del Messico, invece, è una delle chiese più antiche e più grandi dell’emisfero occidentale. Fu costruita, in parte, su un antico tempio azteco. La terza cosa da vedere nello Zócalo è il Templo Mayor, che ospita i resti del Grande Tempio di Tenochtitlán.  

Bosque de Chapultepec e la Casa Azul

Il Bosque de Chapultepec è il parco più famoso – e il più grande – di Città del Messico. È famoso per i suoi laghi, le strutture sportive, il giardino botanico e i musei. Il Museo Nazionale di Storia ospita una notevole collezione di materiale precolombiano e riproduzioni di antichi manoscritti, oltre a una vasta gamma di mostre che illustrano la storia del Messico dalla conquista spagnola. Il Museo Nazionale di Antropologia è decisamente il più famoso. Al suo interno si possono ammirare reperti di straordinario valore storico come, ad esempio, un imponente calendario solare azteco.

 

Per scoprire una pagina di storia più recente del paese, invece, si può andare alla ricerca della Casa Azzurra di Frida Kahlo. Si trova nel quartiere di Coyoacán, uno dei più antichi e pittoreschi di Città del Messico. Con le sue pareti blu cobalto e le straordinarie opere d’arte, la casa-museo di Frida Kahlo è una tappa da non perdere. Tra le altre cose da vedere assolutamente in Città del Messico c’è il Palazzo delle Belle Arti, un imponente edificio in marmo in uno stile che si divide tra l’Art Nouveau e l’Art Déco, progettato dall’italiano Adamo Boari. Oggi ospita una sala concerti e un teatro dell’opera, ma molti la visitano anche per ammirare i murales di artisti come Diego Rivera e José Clemente. La Basilica di Nostra Signora di Guadalupe è un’altra meta che non può mancare nel corso del tuo viaggio in Messico

Teotihuacán

A poca distanza dal centro di Città del Messico si trova il parco di Teotihuacán, che ospita il più grande sito archeologico precolombiano della Mesoamerica rinvenuto fino a oggi. La città era ridotta in rovine molto prima dell'arrivo degli spagnoli, e offre un’atmosfera davvero straordinaria. Una visita al Museo, dove sono custoditi gran parte degli oggetti rinvenuti nel corso degli scavi, è d’obbligo. Da vedere la cosiddetta “Via dei Morti”, la Piramide della Luna, la Cittadella e il Tempio di Quetzalcóatl. Per la sua straordinaria importanza e il suo valore storico, questo parco è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.