Turisanda
Itinerario nella natura australiana
17.09.2021

Può sembrare strano ma l’Australia è per dimensioni un Paese sterminato ed eccezionalmente poco popolato. Molte sue parti sono ancora oggi totalmente inesplorate. In questa Nazione, giovane per storia e per età dei suoi abitanti, la natura è ancora sovrana, selvaggia e capace di regalare spettacoli straordinari, sia che si tratti di Ayers Rock o delle Hamilton Islands.

Un salto sull’Isola dei Canguri

Adelaide è il punto di partenza per visitare la sorprendente Kangaroo Island, una delle meraviglie naturalistiche dell’Australia e terza isola più grande del Paese. Un terzo dell’isola fa parte di un’area protetta che comprende il Flinders Chase National Park, la Seal Bay Conservation Park, il Cape Gantheaume Wilderness Protection Area, la Cape Bouguer Wilderness Protection Area e la Ravine des Casoars Wilderness Protection Area. In questo territorio vivono indisturbati canguri, wallaby, aquile, opossum, ornitorinchi, otarie orsine e koala, ma è soprattutto uno dei pochi luoghi al mondo dove vivono i leoni marini. Il modo migliore per esplorare l’area e accedere alle zone protette con più facilità è con un 4x4. Fra le tante bellezze da vedere ci sono le formazioni geologiche di Admiral Arch: uno spettacolare arco naturale scavato dall'oceano e abitato da una colonia di leoni marini. Remarkable Rocks è il luogo più rappresentativo - e più fotografato - di Kangaroo Island per via delle sue bizzarre rocce di granito dalle forme inconsuete, modellate da millenni di erosione.

Ayers Rock, nel cuore del Red Centre

Alice Springs è senz’altro la città più vitale dell’immenso, e ancora per buona parte inesplorato, outback australiano. Migliaia di chilometri di terre selvagge e disabitate circondano questa bella cittadina che deve il suo sviluppo alla vicinanza ad Ayers Rock. Da qui si può partire per una full immersion nel Parco nazionale Uluru-Kata Tjuta, una delle principali attrattive dell’Australia, che si estende per oltre 21 km2. Qui si trova il Kata Tjuṯa - conosciuto anche come Mount Olga - un’imponente formazione rocciosa che comprende 36 cupole (oggi ne sono visibili soltanto 28), la più alta delle quali supera i 500 metri di altezza. Uno spettacolo misterioso e suggestivo che costituisce soltanto il preludio a quello che attende il viaggiatore una volta arrivato al cospetto di Ayers Rock. Gli aborigeni lo chiamano Uluru e lo venerano come un luogo sacro, tanto che le sue pendici sono coperte di simboli e disegni arcaici, la cui realizzazione si perde nella notte dei tempi. L’Ayers Rock è il monolite di roccia arenaria più grande del pianeta, supera gli 800 metri di altezza e i 9 km di perimetro e si estende anche sottoterra per chilometri e chilometri. Si tratta di un’immensa massa rocciosa che assume colori meravigliosi soprattutto al tramonto, quando si tinge di rosso ed ocra regalando ad ogni viaggiatore uno spettacolo difficile da dimenticare. Una visita in questo angolo di Australia deve obbligatoriamente comprendere la zona selvaggia del Parco nazionale di Watarrka. Al suo interno si trova il Kings Canyon, un antico canyon in arenaria che si apre su di un’inestricabile foresta di palme. In zona si possono osservare da vicino il maestoso Amphitheatre, le strane formazioni rocciose di Lost City, gli imponenti North & South Walls e la piscina naturale permanente chiamata Garden of Eden.

Sydney e le Hamilton Islands: fascino australiano

Affascinante e ben organizzata, Sidney è caratterizzata da uno stile di vita decisamente stimolante dal punto di vista culturale. Il suo skyline moderno colpisce per la sua rigorosa bellezza ed è per questo che è fortemente consigliato scoprire la città partendo dalla sua baia, magari attraverso una crociera che permetta di vedere il perfetto connubio fra passato e presente, natura e città. Gli occhi dei viaggiatori possono spaziare dalla mole dell’imponente Opera House, uno dei più celebri teatri d’opera del mondo, alle linee severe del grande Harbour Bridge, che testimoniano lo sviluppo novecentesco della città, per arrivare al profilo delle belle spiagge della zona. Altro colpo d’occhio irrinunciabile è quello che si può godere dall’Eye Tower Bridge. Il lato più intrigante di Sydney si rivela attraverso le meraviglie tecnologiche di Oceanworld, i tanti parchi locali (fra cui gli eclettici giardini della grande Chinatown) e lo sfarzo dell’acquario cittadino, ritenuto un’autentica istituzione.   Al largo delle Hamilton Islands - un paradiso naturale ad un paio di ore di volo da Sydney - si trova la barriera corallina australiana. La si può visitare con escursioni organizzate in catamarano e fare snorkeling fra pesci coloratissimi che possono essere osservati anche a bordo di imbarcazioni con chiglie trasparenti. Fra i luoghi più belli della zona vi è senz’altro Whiteheaven Beach: una distesa di finissima sabbia bianca lambita da acque trasparenti. Un luogo magico e rilassante dove trascorrere ore di riposo o dedicarsi a lunghe nuotate esplorative con maschera e boccaglio. In generale le isole Hamilton rappresentano la quintessenza del relax made in Australia e sono il perfetto punto d’arrivo di un viaggio che ha attraversato il cuore dell’outback, toccato città come Adelaide e Sydney e luoghi affascinanti come Kangaroo Island. Scopri tutta la magia dell’Australia con l’affidabilità dei tour Turisanda

Esplora
Australia
Viaggio in Australia, la terra del “Down Under”. Lontana, isolata e a testa in giù.
Australia
Paesaggi di straordinaria bellezza circondati da maestosi oceani che hanno contribuito a isolarli e quindi a preservarli: ecco cosa ti aspetta in Australia!