Chichen Itza: la storia del sito Maya e cosa vedere

04.06.2022
Indice

Il fascino e la grandezza dell’Impero Maya si può ancora respirare lungo le strade di Chichen Itza, in Messico. Si trova, per la precisione, a circa 200 chilometri a ovest di Cancún, nella penisola dello Yucatán. Questa città è stata, per secoli, una capitale politica e religiosa che ha prosperato sotto il dominio dei Toltechi. Oggi, ciò che resta di Chichen Itza è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e rappresenta una delle cose da vedere assolutamente in Messico.

Scopri di più sulla sua storia e sulla magnificenza dei suoi edifici più importanti.

La storia

Chichen Itza ha una storia lunga e complessa che si conosce solo in parte. Fu fondata intorno al 450 d.C. da tribù maya provenienti dal sud, che si sono poi unite alle tribù tolteche provenienti dagli altipiani del Messico centrale che visitarono questa parte della penisola dello Yucatán nel VII secolo. La fusione di queste due civiltà avanzate portò al fiorire dell’architettura che rende unica la città, in cui la classica architettura maya mostra delle forti influenze tolteche (buona parte di Chichen Itza mostra delle somiglianze con Tollán, l’antica capitale tolteca). Nel 1533, quando approdarono gli spagnoli, la città era un luogo di pellegrinaggio. Gli scavi nella zona archeologica di Chichen Itza sono attualmente in corso.  

La Piramide di Kukulkán

Tra le cose da vedere a Chichen Itza, la Piramide di Kukulkán (nota anche con il nome di El Castillo) è sicuramente una delle più famose. Domina la parte settentrionale del sito ed è stata costruita secondo rigide regole astronomiche e astrologiche, cosa che dimostra quanto i Maya fossero avanzati in questi ambiti. È una piramide quadrilatera, alta 30 metri, che colpisce per la precisione nei dettagli. I nove livelli di terrazzamento e le quattro scale, una per lato, simboleggiano i nove cieli e i quattro punti della bussola. Le grandi teste di serpente ai piedi delle scale conducono alla piattaforma superiore su cui si erge il vero e proprio tempio di Kukulkán. Nel corso dell’equinozio di primavera e quello d’inverno, le colonne del tempio creano degli spettacolari giochi di luci e ombre.  

Templi ed edifici

Ci sono molte cose da vedere a Chichen Itza come, ad esempio, il Tempio dei Guerrieri. Il suo ingresso principale è fiancheggiato da due massicce colonne a forma di serpente, con la testa a terra e la coda rivolta verso il cielo. A sud di questo tempio si trova quella che oggi viene definita la “Sala delle Mille Colonne” il cui uso è ancora sconosciuto. L’ipotesi più accreditata, però, è che si trattasse di un mercato coperto. Il Tempio dei Giaguari prende il nome dalle statue in pietra dell’animale rinvenute al suo interno. Da vedere anche i Cenote che sorgono nei dintorni: si tratta di fonti di acqua dolce che, all’epoca, erano indispensabili per la vita della città.